ROADBOOK – MARE, PROFUMO DI MARE – TRAGHETTI

VIAGGIO IN TRAGHETTO - MARE, PROFUMO DI MARE N°5 2018

Vi sono luoghi che non possono essere raggiunti se non prendendo un traghetto. Altre volte, giungere a destinazione in nave diventa l’occasione  per avvicinarsi senza sprechi di energie al vero punto di partenza del viaggio.

Partiamo da un esempio pratico, ovvero il traghetto che l’anno scorso ci portò in Marocco. La fantastic di grandi navi Veloci in 48 ore ci catapultò da Genova al porto di Tangeri Med. Farlo via terra avrebbe comportato una tirata di 2.000 chilometri e ben più di due giorni, oltre a un discreto capitale in benzina, autostrada, cibo e pernottamenti, per poi arrivare all’inizio del viaggio già stanchi e con le gomme montate apposta per quest’avventura consumate ancor prima di scorgere l’Erg Chebbi.

Traghetto si, traghetto no: una domanda che, il più delle volte, ha solo il sapore della retorica. In traghetto si può dormire, mangiare, leggere, guardare un film; si può approfondire lo studio di un itinerario e già si è arrivati a destinazione, pronti a ripartire di slancio. Le motonavi moderne non sono più carrette come la ” Habib “la storica nave che da Genova ha portato generazioni di viaggiatori verso Tunisi e il Sahara. Allora passare la notte sul ponte era preferibile ad una cabina condivisa in quattro appena sopra la stiva; oggi confort e servizi non sono più un optional, ma obbiettivi su cui le compagnie investono. Ne è un esempio la recente entrata in servizio della confortevole e veloce “Michela” di Adria Ferrirs sulla rotta Ancona – Durazzo che ha definitivamente mandato in pensione la decrepita “Bridge”, sul mare forse dai tempi di Hoxha.

Alcune mete fanno del traghetto il prologo obbligato del viaggio: la Sicilia per chi parte da nord, la Sardegna e la Corsica da ovunque si parta. Sulla costa orientale dell’Adriatico sbarcare a Spalato, Durazzo, Igoumenitsa o Patrasso consente di visitare i rispettivi Paesi e quelli limitrofi, o iniziare l’avventura verso l’est, più lontano.

Continua a leggere……..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.