MAROCCO AVVENTURA POSSIBILE N° 2 2018

Dalla costa atlantica alle dune del deserto, il Marocco è forse l’ultimo Paese dove chi ama viaggiare in moto può assaporare il gusto dell’avventura.

Dopo 48 ore di navigazione sfila lentamente al nostro fianco la sagoma del Jebel Musa, contraltare da sempre del promontorio di Gibilterra che in questa giornata tersa, al di là dello stretto, si intravede in lontananza.

Sono le leggendarie Colonne “dov’Ercule – racconta Dante – segnò li suoi riguardi acciò che l’uom più oltre non si metta” e che da tempo almeno da quando il semidio figlio di Zeus e Alcmena le separò con un sol pugno in una delle sue immemorabili fatiche, tracciano il confine del mondo conosciuto.

Non plus ultra, “non più avanti” lasciò inciso il semidio segnado un confine culturale più che geografico, il limite della conoscenza che, per conto degli dei, Ercole tracciò per gli uomini affinchè, non superando i limiti estremi del mondo, non si credessero essi stessi dei.

Vanamente perchè, come Dante fa dire a Ulisse, ” fatti non fummo a viver come bruti/ ma per seguir virtute e conoscenza”. E così, come Ulisse e i suoi compagni che lo seguirono nel viaggio, anche noi lo seguiamo incuranti degli ammonimenti, spinti dal desiderio di conoscenza.

48 ore di navigazione sono sufficienti per trasportarci in quello che forse è l’ultimo paese dove è possibile per i motociclisti assaporare il gusto dell’avventura. Deserti, moschee, hasbah e medine, palmeti, un paesaggio dai tratti forti e ancestrali.

Già da lontano si vedono le banchine di Port Med che da qualche anno, ad una quarantina di Km. di distanza ha sostituito il porto storico di Tangeri. Sbarcando l’impatto col Marocco è dolce, le strade ottime.

Lentamente scivoliamo verso la prima tappa, Tetouan, a una sessantina di km. dove cominciamo a prendere le misure alla vita di un paese stupendo ma così diverso dal nostro. Continua a leggere……..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.